Il blog di riferimento sull'Amianto

Da Pioltello ad Arezzo crollano i tetti di amianto

Da Pioltello ad Arezzo crollano i tetti di amianto

A causa del maltempo che la scorsa settimana ha colpito la Penisola, l’amianto torna a far danni dal Nord al Sud Italia. Due casi: i più recenti a Pioltello, in provincia di Milano (Lombardia) e ad Arezzo capoluogo toscano. La polemica per la mancata bonifica e il successivo smaltimento getta tutti nel panico.

A Pioltello piovono lastre di amianto dall’alto

Piazza della Repubblica a Pioltello è una discarica di amianto. Il maltempo e la tromba d’aria hanno staccato le lastre dai tetti degli edifici.

La reazione dell’opposizione è scattata all’abbandono dei resti in amianto in un angolo della piazza. Non basta, infatti, imballare il materiale caduto in sacchi di cellophane e accatastarlo. La piazza di Pioltello è un luogo frequentato da famiglie e bambini esposti al rischio contaminazione.
Il consiglio comunale ha presentato un’interpellanza per chiedere lo smaltimento, ma poca è la tolleranza alla discussione sull’argomento.

Ad Arezzo emergenza tetti

Il vento che durante il maltempo ha assalito anche il centro Italia ha colpito i tetti degli edifici di Arezzo, la storica città toscana.

Le coperture in amianto, cadute a terra, hanno acceso la preoccupazione dei cittadini. A rischio alcune aree simbolo della cittadina, come l’ex mercato ortofrutticolo e le case popolari in via Malpighi. Purtroppo non si sta intervenendo a favore di smaltimento e bonifica. La situazione è ferma e l’amianto non viene rimosso, contro le previsioni che accennavo a una sola giornata utile per agire e risolvere la grave situazione.

Se pensavamo a un 2016 nel segno di bonifica e smaltimento amianto, questi sono e restano problemi e inadempienze da risolvere al più presto.