Il blog di riferimento sull'Amianto

Una baraccopoli di amianto diventa un'area verde

Una baraccopoli di amianto diventa un'area verde

A Brindisi è stato creato il parco "Sbitri", una ex baraccopoli di amianto trasformata in un'area verde da 40 mila metri quadri. L'intero parco è gestito dal consorzio oasi WWF Torre Guaceto e sarà inaugurato questa mattina in località Sbitri.

Il nuovo polmone verde sorge dove c'era una polveriera smantellata negli anni Settanta, che ora è stata popolata di alberi, piante ed un prato verde che fa da tappeto alle famiglie della zona di Torre Guaceto.

La storia di questo parco ha inizio negli anni Settanta, periodo in cui è stata abbandonata una polveriera in stato di smantellamento. Successivamente le costruzioni diventarono delle villette a schiera con vista mare, che furono però abitate abusivamente da famiglie che occuparono le case senza avere alcuna autorizzazione. Le proprietà erano del Demanio militare e nel maggio del 2007 fu ordinato lo sgombero di tali villette turistiche: venne effettuato un sequestro e la contestuale demolizione dei fabbricati. Fu allora che si scoprì che i tetti delle case erano fatti di amianto, il quale venne sbriciolato dalle ruspe ed è rimasto per anni a cielo aperto a due passi dalla spiaggia.

La bonifica è iniziata lo scorso gennaio, dopo che l'area è entrata nella disponibilità del Comune.