Il blog di riferimento sull'Amianto

piano-edilizia-scolastica

#scuolesicure: oltre 2000 scuole interessate da interventi di rimozione amianto

Il piano di edilizia scolastica, fortemente voluto dal presidente del Consiglio, Matteo Renzi, fin dal suo discorso di fiducia alle Camere del 24 febbraio 2014, prende il via. Lo ha annunciato palazzo Chigi in una nota del 4 luglio. 

Il piano coinvolgerà complessivamente 20.845 edifici scolastici per 1.094.000.000 euro di investimenti. Quattro milioni di studenti e una scuola italiana su due saranno protagonisti di questo primo progetto, che porterà nell'arco del biennio 2014-2015 ad avere scuole più belle, più sicure e più nuove.

Si tratta della costruzione di nuovi edifici scolastici o di rilevanti manutenzioni, grazie alla liberazione di risorse dei comuni dai vincoli del patto di stabilità per un valore di 244 milioni (#scuolenuove) e del finanziamento per 510 milioni dal Fondo di sviluppo e coesione per interventi di messa in sicurezza (#scuolesicure), di decoro e piccola manutenzione (#scuolebelle), spiega palazzo Chigi.

Al lavoro su questo obiettivo c'è una specifica unità di missione istituita dalla presidenza del Consiglio in collaborazione con il ministero dell'Istruzione, l'università e la ricerca per mettere in sicurezza le strutture scolastiche.

L'amianto nelle scuole italiane

Gli interventi di rimozione dei materiali contenenti amianto dalle scuole, principalmente coperture, rientra nel filone #scuolesicure del piano per l'edilizia scolastica. 

Secondo l’indagine sull’edilizia scolastica condotta fra 2.600 presidi e presentata lo scorso giugno dal Censis, sarebbero 342.000 gli allievi esposti al rischio amianto in 2.000 scuole italiane .

Anche i dati sulla presenza di amianto nelle scuole presentati dal Rapporto Ecosistema Scuola di Legambiente sulla qualità dell’edilizia scolastica, delle strutture e dei servizi sono allarmanti: il 37,6% delle strutture scolastiche ha bisogno di interventi di manutenzione urgente, la maggior parte dei quali riguardano proprio la presenza di materiali contenenti amianto

Il rischio di esposizione all’amianto per gli studenti è alto, perché bambini e ragazzi trascorrono all’incirca 13 anni a scuola, per almeno 30 ore a settimana, 35 settimane all’anno. I più giovani sono inoltre soggetti più a rischio, sia per le loro caratteristiche fisiologiche, come la maggiore attività biologica, che per la mancata percezione del pericolo

Scopri in dettaglio il piano per l'edilizia scolastica, regione per regione:

http://www.governo.it/governoinforma/dossier/edilizia_scolastica/