Il blog di riferimento sull'Amianto

Droni anti amianto: sentinelle tecnologiche per le scuole italiane

Droni anti amianto: sentinelle tecnologiche per le scuole italiane

Firmato il protocollo tra ItaliaSicura e Ministero dell’Ambiente: grazie ai droni, sentinelle tecnologiche, si potenzierà la mappatura completa dell’amianto presente negli edifici scolastici, avviando il progetto pilota di bonifica amianto.  

Sono parecchie le istituzioni scolastiche che hanno manifestato e manifestano oggi la necessità di intervenire per  la rimozione della fibra killer: ecco la risposta del governo alla ricerca continua di soluzioni efficaci e immediate.

A caccia di amianto

Il governo italiano ricorre ai droni per il progetto pilota dedicato alla bonifica e rimozione omogenea dell’amianto dalle scuole italiane: si tratta di tecnologie efficaci nel telerilevamento e dotate di telecamere ad alta definizione.

L’intenzione è di impegnarsi nel fotografare la situazione delle scuole della penisola, ancora vittime dell’amianto: i droni potranno contribuire alla definizione della quantità di amianto ancora presente nelle strutture degli edifici scolastici. 

A questo punto sarà finalmente possibile creare una mappatura scientifica su scala nazionale e delineare le azioni efficaci per la bonifica.

Le moderne sentinelle tecnologiche potrebbero dimostrarsi la pedina vincente del nuovo progetto firmato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero dell’Ambiente.

Quali fondi per la bonifica amianto?

I fondi complessivi stanziati dal governo per la sicurezza delle scuole comprendono anche la rimozione dell’amianto. Per fondi si intendono i 400 milioni di euro stanziati a giugno,  in aggiunta ai 150 contenuti nel decreto del Fare. Da non dimenticare, inoltre, i 905 milioni di euro previsti dall’operazione #MutuiBei e utili per finanziare anche gli interventi di bonifica amianto.

Ciascuna regione italiana e i Responsabili amianto hanno quindi il compito di predisporre i piani di protezione dell’ambiente, di decontaminazione, smaltimento e bonifica, controllando e coordinando ogni Ente Locale.

Negli ultimi anni, l’attenzione rivolta al caso “amianto nelle scuole” ha indotto molte realtà a farsi avanti e divulgare la necessità di intervenire per la bonifica. Proprio questa voglia di fare e intervenire ha portato all’avviamento di 1215 cantieri.