Il blog di riferimento sull'Amianto

Eternit

Chiesta la revoca della Laurea Honoris Causa al magnate dell'Eternit

Revocare la laurea honoris causa a Stephan Schmidheiny, per anni amministratore delegato dell' Eternit e condannato a 18 anni di reclusione per la strage Eternit: è la richiesta dei 35 sindaci costituitisi parte civile al Processo Eternit per Peter Salovey, presidente dell'Università di Yale, che nel 1996 conferì il titolo onorifico al patron dell'Eternit.

"La campana - si legge nella lettera - suona sempre più spesso ad annunciare morti legate all'amianto. A Casale Monferrato sono 2 mila le vittime. Riteniamo inaccettabile che a un criminale come Stephan Schmidheiny, un uomo che non ha mostrato alcun rispetto per la vita umana, sia consentito di continuare a portare il segno del vostro apprezzamento e onore".

Capofila dell' iniziativa il sindaco di Casale Monferrato, nell'Alessandrino, il paese più colpito dalla strage dell'eternit, secondo cui la sensibilizzazione dell'opinione pubblica statunitense sul dramma dell'eternit è molto importante, perché i danni causati dall'amianto devono essere al centro del dibattito mondiale, partendo dalla consapevolezza del crimine commesso da Schmidheiny.