Il blog di riferimento sull'Amianto

amianto-morti-per-mesotelioma

Amianto in numeri: troppi morti per mesotelioma

Cosa dovremmo fare se il Registro Mesoteliomi Lombardia prevedesse settemila futuri casi di mesotelioma entro il 2025? 4000 vittime per malattia da amianto nel 2013, 5000 dall’anno 2000. Ecco i dati raccolti in Lombardia che si riferiscono alle morti per “Esposizione professionale” all’amianto killer.

La “malattia dell’amianto” resta lì, latente per 40 anni, ma quando arriva uccide in 12 mesi. Il mesotelioma pleurico, conseguenza dell’esposizione a polveri di amianto, non da pace soprattutto in Lombardia e Piemonte dove i dati relativi le morti per “esposizione professionale” all’amianto continuano a registrare paura e richieste di giustizia.
Sulla bocca delle persone c’è la vicenda della Eternit di Casale Monferrato che ricorda la morte di migliaia di operai e cittadini per l’amianto killer. Si discute sulla sentenza di “disastro ambientale”, caduta in prescrizione e dell’assoluzione dei vertici aziendali. E la fabbrica di Broni nell’Oltrepò Pavese (Fibronit) non è poi così lontana.
Piemonte e Lombardia: due regioni dilaniate dall’amianto killer. Il mesotelioma tortura e uccide nei luoghi di lavoro.

Morti, lavorando

L’”Esposizione professionale” all’amianto non è l’unica causa di mesotelioma. Per il 3,3% la malattia da amianto ha origine ambientale e interessa coloro che hanno vissuto per anni in località contaminate dalle polveri di amianto. Il mesotelioma ha distrutto la vita di chi lavorava in stabilimenti costruiti con il cemento amianto ma anche coloro che per anni hanno lavato le tute da lavoro dei loro uomini. L’esposizione familiare all’amianto, dice il Registro Mesoteliomi Lombardia, ha coinvolto l’1.9% (72 casi).
L’amianto uccide per lo più persone inconsapevoli del pericolo di trovarsi in luoghi contaminati da polveri d’amianto. Il 14,6 % dei mesoteliomi professionali è in ex dipendenti del settore tessile, il 24,7% dell’edilizia e il 22,8% del settore meccanico e metallurgico.
Ma...anche a coloro, cittadini innocenti, che non hanno lavorato a stretto contatto con materiali contaminanti o in settori a rischio amianto, il mesotelioma fa paura. L’amianto è “di casa”, nei tetti costruiti anni fa e che oggi si sgretolano in silenzio.

Nulla di certo, tante vittime e tristezza causata dal mesotelioma. Il futuro, purtroppo, prevede grigie prospettive a causa dell’amianto killer. Una cosa è certa: la bonifica è ormai legge ma costa cara.
E la vita degli italiani? Ci è cara anche quella!