Il blog di riferimento sull'Amianto

amianto asbesto

Cos'è l'amianto o asbesto?

Con il termine AMIANTO (dal greco amiantos – inattaccabile, incorruttibile) o ASBESTO (dal greco asbestos - che non brucia, perpetuo) si indica un gruppo di minerali a struttura microcristallina e di aspetto finemente fibroso composto da silicato di magnesio, calcio e ferro. L’asbesto è presente in natura unito ad altri minerali e viene estratto da cave e miniere per frantumazione della roccia madre, da cui si ottiene le fibra purificata dopo macinazione.

L’amianto resiste alle temperature elevate, all’azione di agenti chimici e biologici, alla trazione e all’usura. E’ molto elastico, facilmente filabile e fonoassorbente. La sua struttura microcristallina e di aspetto finemente fibroso gli conferisce notevole resistenza meccanica e alta flessibilità. Può essere filato e tessuto e ha potere fonoassorbente e termoisolante. Inoltre è un buon isolante elettrico ed ha una spiccata affinità con la gomma e il cemento.

Queste numerose proprietà, legate ad un basso costo di produzione, hanno fatto dell’amianto un materiale estremamente versatile, favorendone in passato un impiego massiccio in molti settori. L’origine dello sfruttamento dell’asbesto risale a moltissimi anni fa, anche se si può parlare di un vero utilizzo in misura significativa solo a partire dalla fine dell’Ottocento.

Si stima che in Italia sia stato utilizzato in più di 3000 prodotti commerciali come fibrocemento e pannelli, materiale di rivestimento, carte, cartoni e materiali spruzzanti, freni e frizioni, prodotti tessili e un’altra porzione nelle plastiche rinforzate e nelle resine.